SpoTTe un marchio di Luca Sacchettino

blogBrand-news.itGlobant e Gut prendono in giro le tecnologie bizzarre e fini a se stesse nella nuova campagna globale
, Globant e Gut prendono in giro le tecnologie bizzarre e fini a se stesse nella nuova campagna globale

Globant e Gut prendono in giro le tecnologie bizzarre e fini a se stesse nella nuova campagna globale


, Globant e Gut prendono in giro le tecnologie bizzarre e fini a se stesse nella nuova campagna globale

Di tecnologie bizzarre, e in certi casi senza senso, son piene alcune campagne pubblicitarie. L’agenzia Gut le mette in ridicolo nello spot realizzato per Globant, la sua parent company nonché società di consulenza focalizzata sulla reinvenzione delle imprese attraverso soluzioni tecnologiche.

Il “Taste ID” presentato nel film è infatti una tecnologia che vanta l’improbabile capacità di identificare il cibo desiderato da una persona in base quando questa lecca lo schermo del cellulare.

A corredare l’incredulità degli astanti c’è il claim “Enough with nonsense tech” che evidenzia come tale approccio sia esattamente l’opposto di quello di Globant.

“Parte della saga ‘Stuck in Consultancy’, questo nuovo spot sottolinea la continua dedizione di Globant a sfidare le norme tradizionali”, affermato Wanda Weigert, Chief Brand Officer di Globant. “I brand tendono a lavorare con molti partner IT nel corso degli anni, e persino contemporaneamente. Consideriamo Globant l’unico partner di soluzioni digitali B2B2C che si differenzia dalle altre società IT legacy integrando tecnologia, creatività e intuizione per costruire esperienze gradite”.

Matías Lafalla, Chief Creative Officer di Gut, ha aggiunto: “Questa campagna affronta uno dei temi più critici nel settore tecnologico: posizionare il consumatore o l’utente al centro durante la creazione di soluzioni digitali. Globant si distingue dalle altre società tecnologiche creando prodotti digitali che gli utenti amano davvero. Per raccontare questa storia, abbiamo scelto di mantenere il tono umoristico e ironico che è già diventato un tratto distintivo di questa saga”.

Globant dal 2022 ha stabilito la sua presenza anche sul mercato italiano.

Oggi Globant Italia ha quattro sedi, a Milano, Bologna, Venezia e La Spezia, mentre a livello globale il gruppo è presente in oltre 25 Paesi, con 27 mila dipendenti, un fatturato complessivo di 1,9 miliardi di dollari e clienti come Google, Electronic Arts, Disney, Fifa e, in Italia, Allianz Bank e BPer.



Source link

logo 2024 250

SpoTTe®
di Luca Sacchettino

2009-2023 © Tutti i diritti riservati
Web & Desig by SpoTTe
SpoTTe® è un marchio registrato