SpoTTe

blogBrand-news.itdelle aspiranti suore nel nuovo spot. Che finisce già sotto accusa
, delle aspiranti suore nel nuovo spot. Che finisce già sotto accusa

delle aspiranti suore nel nuovo spot. Che finisce già sotto accusa


On air il nuovo spot di Amica Chips che vede protagoniste delle aspiranti suore. E c’è già chi ne chiede la sospensione

Da poco on air, la nuova pubblicità tv di Amica Chips si è già fatta notare. In particolare dall’associazione di telespettatori cattolici Aiart, che ne chiede immediata sospensione perché «offende la sensibilità religiosa di milioni di cattolici praticanti».

, delle aspiranti suore nel nuovo spot. Che finisce già sotto accusa

Protagonista dello spot ideato da Lorenzo Marini Group sono infatti delle novizie in un monastero.

Le aspiranti suore sono riprese in fila sotto al chiostro mentre si apprestano ad entrare in chiesa. In sottofondo si sente la musica dell’“Ave Maria” di Schubert, eseguita con l’organo che accompagna questo ingresso.

Le novizie sono in fila verso l’altare e la prima sta per ricevere la comunione dal prete celebrante quando sente il suono della croccantezza della patatina: la Madre Superiora, seduta in sagrestia, sta mangiando le patatine Amica Chips prendendole da un sacchetto che tiene in mano.

«L’obiettivo principale della comunicazione – spiega l’agenzia in una nota –  è quello di riaffermare il ruolo da protagonista di Amica Chips in comunicazione, da sempre protagonista di campagne forti e distintive». In passato ricordiamo le pubblicità del marchio di patatine con protagonista Rocco Siffredi.

In questo caso, l’azienda “vuole rappresentare, in modo palese e senza fraintendimenti di tipo religioso, una situazione chiaramente teatrale e da fiction, tratta da citazioni del mondo ecclesiastico già abbondantemente trattate nella cinematografia mondiale”.

L’Aiart  ha comunque segnalato lo spot all’istituto di Autodisciplina pubblicitaria, con l’obiettivo di bloccarlo: «È contrario agli articoli 1 e 10, lealtà della comunicazione, convinzioni morali, civili, religiose e dignità della persona, del codice di autodisciplina della comunicazione commerciale».

La campagna da 30” è programmata sulle reti Mediaset, Cairo e sulle CTV, oltre che sui canali digitali.

 

CREDITS

Direzione creativa: Lorenzo Marini

Copywriter: Artemisa Sakaj

Planning strategico e direzione generale: Ezio Campellone

Account service: Elma Golloshi

Casa di produzione: Film Good

Executive producer: Pierangelo Spina

Regia: Dario Piana

Direttore fotografia: Stefano Morcaldo

Producer: Sara Aina

Musica: “Ave Maria” di Schubert – esecuzione di Alessandro Magri

 



Source link

logo 2024 250

SpoTTe®
di Luca Sacchettino

2009-2023 © Tutti i diritti riservati
Web & Desig by SpoTTe
SpoTTe® è un marchio registrato